Erasmus+ mobilità per insegnamento

Finalità e attività ammissibili

L'Azione Chiave 1 del Programma Erasmus + prevede,  tra le altre attività, la mobilità dei docenti per lo svolgimento di attività di insegnamento presso un Istituto di Istruzione Superiore, titolare di ECHE, con i quali l'UNIBAS ha stipulato accordi interistituzionali ERASMUS+. Ai fini dell'ammissibilità gli anzidetti Istituti  devono essere titolari dell'ERASMUS CHARTER FOR HIGHER EDUCATION (ECHE) e appartenere ad uno dei Paesi aderenti al programma/Programme Countries (www.erasmusplus.it)

ELENCO DEGLI ACCORDI STIPULATI DALL'UNIBAS NELL'AMBITO DEL PROGRAMMA ERASMUS+

La procedura per l'attivazione/rinnovo di accordi interuniversitari Erasmus è visionabile nella sezione "didattica e ricerca" del sito al link  Accordi ERASMUS +.

Attività ammissibili

Svolgimento di un periodo di docenza all’estero nell’ambito di un programma didattico concordato con l’Istituto ospitante ed esplicitato nello “Staff Mobility for Teaching Mobility Agreement”. Le attività di docenza, ove possibile, dovranno essere proposte nell’ambito di corsi regolarmente integrati nei programmi di studio dell’Istituto ospitante.

Non sono ammissibili mobilità che si sostanziano nella partecipazione a conferenze internazionali o nello svolgimento di attività di ricerca presso l’istituto ospitante.

L'attività prevede, inoltre, la possibilità di ospitare ed avvalersi di esperti esterni internazionali provenienti da imprese estere per solgere attività di docenza. Il personale di impresa deve essere invitato direttamente dall'Università ospitante.La durata ed il contributo economico sono assimilabili a quelli riguardanti la mobilità in uscita del personale docente.

Il bando, la candidatura on-line, la modulistica, le graduatorie e quant'altro necessario, sono disponibili nel PORTALE DOCENTI 

La selezione

Per poter svolgere un periodo di insegnamento all'estero nell'ambito del Programma Erasmus +, il docente interessato deve presentare domanda di partecipazione al bando indetto annualmente dall'Università degli Studi della Basilicata.

Le borse messe a concorso variano di anno in anno in base al numero totale dei partecipanti e all'entità del finanziamento assegnato dall'Agenzia Nazionale Erasmus + INDIRE.

La selezione è effettuata dalla Commissione d'Ateneo per le Relazioni Internazionali, in base allo "Staff Mobility for teaching mobility agreement" contenente gli obiettivi, il valore aggiunto della mobilità, il contenuto della docenza e i risultati attesi. Salvo casi eccezionali, il documento dovrà essere approvato dalle parti prima dall'atto della candidatura.  

Entrambi gli Istituti sono responsabili della qualità del periodo di mobilità.

Per l’assegnazione del flusso di docenza sarà data priorità alle:

  • attività nelle quali il periodo di insegnamento  sarà parte integrante del programma di studio dell’Istituto ospitante;
  • attività di mobilità che conducono alla produzione di nuovo materiale didattico;
  • attività di mobilità che saranno utilizzate per consolidare ed ampliare i rapporti tra dipartimenti e facoltà e per preparare futuri progetti di cooperazione.

Per garantire la partecipazione del maggior numero possibile di docenti la priorità sarà data, inoltre, a coloro che si recano all’estero per la prima volta nel corso dell’attuale anno accademico.

Come e chi può partecipare

Come

In base agli Accordi ERASMUS + stipulati dall’ateneo nell’anno di riferimento, nonché all’assegnazione del numero di borse da parte dell’Agenzia Nazionale ERASMUS + Indire, l'università indice, annualmente, apposito bando per il conferimento di borse per attività di insegnamento all'estero.
Il docente interessato, entro le date e con le modalità stabilite dal bando, può presentare la propria candidatura per effettuare un periodo di docenza presso le sedi estere il cui
codice ISCED ((International Standard Classification of Education) sia pertinente al settore scientifico disciplinare di afferenza del docente.
Ai fini dell’ammissibilità, l’attività didattica da svolgere all’estero deve essere perfettamente integrata nel dipartimento o nella facoltà dell’Istituto ospitante; le date di svolgimento dell’attività, nonché i programmi delle lezioni devono essere concordate prima della partenza da entrambi i docenti delle istituzioni coinvolte.

Il bando, la candidatura on-line, la modulistica, le graduatorie e quant'altro necessario, sono disponibili nel PORTALE DOCENTI 

Chi

Il personale docente in servizio presso l'Università degli Studi della Basilicata. Nello specifico:
- i ricercatori;
- i professori associati;
- i professori ordinari;
- i professori a contratto.

Le borsa di mobilità per attività di docenza sono assegnate unicamente ai docenti  in possesso:
• di cittadinanza in uno Stato membro dell’Unione Europea o di un altro Paese partecipante al Programma,
oppure:
• di cittadinanza in altri Paesi, purché regolarmente impiegati presso l’UNIBAS.

Durata dell'attività

Da 2 giorni (5 giorni da e verso i Paesi partner) a 2 mesi, escluso il tempo di viaggio. Nella mobilità tra Paesi aderenti al Programma i 2 giorni minimi devono essere consecutivi. 

In caso di personale d’impresa invitato, la durata minima della mobilità tra Paesi aderenti al Programma è 1 giorno.

Un’attività di insegnamento deve comprendere almeno 8 ore di insegnamento alla settimana (o per periodo di soggiorno, se più breve). Se la mobilità dura più di una settimana, il numero minimo di ore d’insegnamento per la settimana incompleta deve essere proporzionale alla durata di quella settimana (es: 8 giorni= 1 settimana +1 gg.= 8 ore+8/5+1).

Avvertenza: una settimana consta di 7 giorni di calendario.

Eccezioni:  

  • Non è previsto un numero minimo di ore di insegnamento per il personale d’impresa invitato.
  • Se l’attività di insegnamento è associata a un’attività di formazione durante uno stesso periodo all’estero, il numero minimo di ore di insegnamento settimanale (o per periodo di soggiorno, se più breve) è ridotto a 4 ore.

Tabella per il calcolo delle ore in proporzione al periodo (fonte AN-INDIRE)

Mobilità Blended o interamente virtuali

Per le mobilità dei docenti e del personale  pianificate come attività in presenza ma che non potranno essere ripianificate, a causa delle misure di contrasto al contagio da COVID-19 e delle restrizioni alle mobilità, esse potranno essere svolte interamente in modalità “virtuale” e saranno considerate eleggibili.

Ove possibile, al periodo di attività virtuale dovrà fare seguito un periodo di mobilità fisica in presenza se e quando le condizioni lo permetteranno. Nel caso in cui i partecipanti non possano completare la mobilità con un periodo di mobilità fisica, sarà ritenuto eleggibile anche un intero periodo di mobilità virtuale. Nel caso dovessero perdurare le restrizioni, la durata della mobilità fisica potrà essere ridotta a favore di una maggiore durata della componente virtuale, oppure potrà essere valutato di introdurre un periodo di interruzione tra i periodi di mobilità virtuale e fisica, purché l’attività sia svolta entro il termine del periodo contrattuale e sia rispettata la durata minima stabilita nella Guida al Programma. 

In termini di documentazione, prova della partecipazione alle attività di mobilità blended o virtuale, sarà confermata da un Attestato docenza/formazione rilasciato dall’Istituto/organizzazione ospitante ("Confirmation of Attendance"), contenente la specifica della modalità di mobilità e, se trattasi di modalità mista/blended, le date di inizio e fine delle attività in virtuale e di quelle in presenza. Nel caso in cui l'Istituto partner non sia nelle condizioni di verificare la presenza fisica del partecipante (es: chiusura degli uffici amministrativi dell'istituto/organizzazione ospitante per tutta la durata della mobilità), prova della presenza nel paese ospitante potrà essere confutata con i biglietti di viaggio (aereo, treno) utilizzati dal partecipante e, nel caso di viaggi in aereo, dalle carte di imbarco.

In termini di finanziamento durante il periodo di mobilità “virtuale” al partecipante non sarà riconosciuto alcun contributo relativo al supporto individuale e al viaggio. Solo nel caso in cui il partecipante dovesse concludere la mobilità in presenza, potrà ricevere il relativo contributo unitario spettante per i giorni effettivi di mobilità svolti in presenza.  Ai partecipanti che si recano nel paese ospitante per seguire attività virtuali (del tutto o in parte) sarà riconosciuto l’intero contributo come previsto dalla Guida del programma e dalle relative Disposizioni nazionali.

Finanziamenti

Il finanziamento comunitario riguarda le seguenti tipologie di spesa:

Contributi unitari di viaggio

Copre le spese di viaggio di andata e ritorno e viene calcolato sulla base di costi unitari per le sotto riportate fasce chilometriche, riferite  ad una sola tratta del viaggio. La tariffa corrispondente (importo) copre invece sia il viaggio di andata che di ritorno.

Fasce chilometriche Importo
Tra 10 -99 KM Euro 20,00 per partecipante
Tra 100 e 499 KM Euro 180,00 per partecipante
Tra 500 e 1999 KM Euro 275,00 per partecipante
Tra 2000 e 2999 KM Euro 360,00 per partecipante
Tra 3000 e 3999 KM Euro 530,00 per partecipante
Tra 4000 e 7999 KM Euro 820,00 per partecipante
8000 KM o più   Euro 1.500,00 per partecipante

 

Per il calcolo della distanza dal luogo di origine (luogo in cui ha sede l'università)  a quello di destinazione (luogo in cui ha sede l'istituto ospitante) verrà utilizzato il calcolatore on line disponibile sul sito della Commissione Europea: 

Distance Calculator

Documenti giustificativi ( da consegnare al Settore a cura del beneficiario del contributo)

  • Per i viaggi tra l’organizzazione di invio e l’organizzazione ospitante: prova della effettiva presenza alle attività svolte all'estero che può assumere la forma di una dichiarazione firmata dall'organizzazione di accoglienza, con precisa indicazione del nome del partecipante, lo scopo dell'attività, la data di inizio e fine;
  • In caso di viaggi da un luogo diverso da quello in cui l’UNIBAS  ha sede e/o di viaggi in un luogo diverso da quello in cui ha sede l'organizzazione ospitante, l'itinerario del viaggio effettivo deve essere giustificato dai biglietti di viaggio o fatture, da cui si evinca il luogo di partenza e di arrivo

 Contributi unitari per il supporto individuale (vitto, alloggio, trasporti locali)

L'importo del contributo è calcolato, per ogni partecipante, moltiplicando il numero di giorni/mesi di permanenza all’estero per il contributo unitario in vigore per giorno/mese attribuito al paese di destinazione in questione, come di seguito:

Paese ospitante Mobilità del personale
Tariffe giornaliere
days 1 - 14 days 15 - 60
Denmark, Finland, Iceland, Ireland, Luxembourg, Sweden, United Kingdom, Lichtenstein, Norway Euro 144,00 Euro 101,00
Austria, Belgium, Germany, France, Italy, Greece, Spain, Cyprus, Netherlands, Malta, Portugal Euro 128,00 Euro 90,00
Bulgaria, Croatia, Czech Republic, Estonia, Latvia, Lithuania, Hungary, Poland, Romania, Slovakia, Slovenia, Former Yugoslav Republic of Macedonia, Turkey Euro 112,00 Euro 78,00

 

Per il calcolo dell'ammontare giornaliero si applica la seguente regola: fino al 14° giorno di attività l'importo specificato nella colonna days 1-14 + tra il 16° e il 60° giorno di attività l'importo gironaliero per partecipante come specificato nella colonna days 15-60.

Documenti giustificativi ( da consegnare al Settore a cura del beneficiario del contributo)

Prova della effettiva presenza alle attività svolte all’estero che può assumere la forma di una dichiarazione firmata dall'organizzazione ospitante, con precisa indicazione del nome del partecipante, scopo attività data di inizio e fine.

Partecipanti con bisogni speciali

Il Programma Erasmus+ attribuisce particolare attenzione agli studenti e al personale in mobilità le cui condizioni fisiche, psichiche o, più in generale, di salute siano tali da non consentire loro una partecipazione al programma senza l’intervento di un finanziamento aggiuntivo, finalizzato a contribuire agli ulteriori costi sostenuti per aspetti quali il supporto, l’accoglienza e l’accessibilità ai locali, nonché ai servizi di supporto pedagogico e tecnico. Questo al fine di assicurare che ognuno possa godere pienamente di tutto ciò che rientra nella mobilità europea. 

Ogni Istituto di Istruzione Superiore, attraverso la sottoscrizione della Carta Erasmus per l’Istruzione Superiore (Erasmus Charter for Higher Education/ECHE), si è impegnata ad assicurare pari accesso ed opportunità a tutti i partecipanti, di là dalla loro condizione. Pertanto, gli studenti e il personale con problematiche fisiche, psichiche o, più in generale, di salute possono beneficiare dei servizi di supporto che l’istituzione ospitante garantisce ai propri studenti e al proprio personale locali. 

FINANZIAMENTO

Lo studente e il personale in mobilità possono richiedere il finanziamento Erasmus+ destinato a studenti e personale con problematiche fisiche, psichiche o, più in generale, di salute, aggiuntivo al contributo alla mobilità per studio o traineeship o a quella del personale. 

Al fine di poter richiedere il contributo aggiuntivo Erasmus+ per i bisogni speciali, occorre specificare le proprie esigenze e prevedere i costi ulteriori legati alla propria condizione fisica, psichica o, più in generale, di salute.

Il finanziamento supplementare è destinato a coprire l'aumento dei costi legati alle esigenze speciali per:

alloggi specifici, assistenza di viaggio, presenza medica, attrezzatura di supporto, adattamento del materiale di apprendimento, accompagnatori, ecc.

Come ottenere il finanziamento 

Protezione dati personali e altre informazioni utili 

Assicurazione sanitaria

L'assistenza sanitaria durante il soggiorno all'estero in Stati membri dell’ Unione Europea è, nella maggior parte dei casi, in forma diretta tramite la Tessera Europea Assicurazione Malattia (TEAM) o certificato sostitutivo provvisorio (se non in possesso della tessera), che permette di ricevere assistenza medica nei paesi dell'Unione Europea e in Svizzera durante periodi di studio, lavoro o vacanza.

Tuttavia, è opportuno rivolgersi alla ASL del comune di residenza per ricevere maggiori informazioni su ulteriori documenti o modelli eventualmente richiesti dall'università ospitante per la copertura medica durante la permanenza nelle proprie strutture, e sulle relative procedure da seguire per ottenere il rimborso delle spese mediche, verificando, inoltre, se per il Paese di destinazione sono necessarie altre formule o modelli assicurativi (solitamente per Paesi non comunitari), ovvero è necessario accendere una polizza sanitaria integrativa (asssicurazione privata)

Ulteriori informazioni sulla tessera sanitaria europea sono disponibili su http://ehic.europa.eu.

L’assistenza è in forma diretta e, pertanto, non è richiesto alcun pagamento se non eventualmente quello del ticket che è a carico dell’assistito e, conseguentemente, non rimborsabile. Solo in Francia e in Svizzera, dove vige un sistema basato sull'assistenza in forma indiretta, il più delle volte viene richiesto il pagamento delle prestazioni. In tal caso il rimborso può essere richiesto al rientro in Italia, presso la ASL di appartenenza e entro 60 gg. dal rientro in Italia.

Per informazioni sull'assistenza sanitaria nel Paese di destinazione si raccomanda di consultare il sito del Ministero della Salute.
 

Gli studenti che partono per destinazioni al di fuori dell'UE devono sottoscrivere un'assicurazione privata oppure rivolgersi alla propria ULSS/ASL di appartenenza per maggiori informazioni. Per i cittadini extracomunitari, pur iscritti al Servizio Sanitario Nazionale, l’iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale non è valida fuori dall’Italia.  

Assicurazione contro gli infortuni

L’UNIBAS ha stipulato una polizza infortuni cumulativa che copre gli studenti, gli studenti part-time, i dottorandi, i tirocinanti, i borsisti, gli stagisti e altre figure ad esse assimilate, che frequentano le strutture dell’Istituto e/o svolgono attività, istituzionalmente previste o esplicitamente autorizzate dall’Ateneo, al di fuori dell’ente. Sono compresi gli infortuni occorsi agli assicurati partecipanti al progetto Erasmus.

La polizza copre le spese derivanti esclusivamente da infortunio (anche l’eventuale rimpatrio della salma e gli infortuni subiti durante l’uso – solo in qualità di passeggero – di aeromobili tranne i viaggi effettuati su altri mezzi di locomozione aerea o su aeromobili di società/aziende di lavoro aereo per voli diversi dal trasporto pubblico o passeggeri ovvero su aeromobili di aeroclubs). Non sono coperte le spese mediche per le quali lo studente dovrebbe provvedere con una polizza personale. In caso di problemi legati ad infortunio o altro con prognosi superiore a 3 giorni occorso presso le sedi estere ospitanti, lo studente dovrà immediatamente contattare l’Ufficio Mobilità Internazionale inviando una e-mail a mobint@unibas.it.

Per informazioni dettagliate sulla tipologia dei rischi inclusi nell’anzidetta polizza contattare l’Ufficio Forniture e Servizi, pasqualina.lasala@unibas.it.

Assicurazione contro gli infortuni

Appendice

Assicurazione responsabilità civile

L’UNIBAS ha stipulato la polizza per responsabilità civile per danni provocati a terzi che si estende anche agli studenti, borsisti, allievi, tirocinanti, specializzandi, ospiti convenzionati e autorizzati, ecc., che prestano servizio presso l’Ateneo per addestramento, corsi di istruzione professionale, studi, prove ed altre e che vengono assicurati contro gli infortuni sul lavoro a norma di legge. La polizza copre eventuali danni che gli studenti possono arrecare a terzi sia all'interno che all'esterno dell’Ateneo. Mediante detta polizza, l’Istituto potrà rispondere (previa valutazione dell’evento dannoso alla luce delle condizioni della polizza) di eventuali richieste di danni arrecati dagli studenti che operano fuori e dentro l’Istituto.
In caso di problemi legati ad infortunio o altro con prognosi superiore a 3 giorni occorso presso le sedi estere ospitanti, lo studente dovrà immediatamente contattare l’Ufficio/Settore Relazioni Internazionali inviando una e-mail a mobint@unibas.it.

Per informazioni dettagliate sulla tipologia dei rischi inclusi nell'anzidetta polizza contattare l’Ufficio Forniture e Servizi, pasqualina.lasala@unibas.it

Polizza responsabilità civile

Prima della partenza

Entro 5 giorni dalla pubblicazione della graduatoria

  • conferma di accettazione della mobilità Erasmus mediante l’apposito modulo on-line disponibile all’indirizzo: https://unibas.erasmusmanager.it/docenti/, pena la decadenza dal diritto. Il documento, debitamente compilato, datato e firmato può essere inviato anche via email all'indirizzo mobint@unibas.it.

Almeno un mese prima del periodo pianificato per lo svolgimento dell'attività

Comunicare eventuali modifiche al periodo di mobilità (anticipazione/posticipazione periodo). Esse dovranno essere concordate con il partner straniero e notificate per iscritto per email all'indirizzo mobint@unibas.it. Alla comunicazione dovrà essere allegato il Mobility Agreement for Teaching firmato dalle parti coinvolte con le nuove date. La medesima procedura si applica anche nel caso di modifiche/integrazioni al Mobility Agreement for Teaching. Salvo casi di forza maggiore, in caso di inadempienza o tardiva comunicazione, il flusso non sarà più consentito e si procederà, d’ufficio, allo scorrimento della graduatoria.  

Avvertenze: In caso di sopravvenuta impossibilità a realizzare la mobilità, il/la beneficiario/a è tenuto/a a compilare il modulo di rinuncia, disponibile nella sezione "Modulistica" dichiarando le ragioni che ne hanno impedito l’effettiva realizzazione. La dichiarazione andrà tempestivamente inviata via e-mail all’indirizzo di posta elettronica mobint@unibas.it, pena l’esclusione dai bandi di mobilità i/le docenti per l’anno accademico successivo. I contributi non assegnati a seguito di tali rinunce saranno attribuiti secondo l’ordine della graduatoria approvata.

Almeno 15 gg. prima della data di partenza prevista: 

  • consegnare all'Ufficio Mobilità Internazionale:
    • autorizzazione a compiere la missione come da artt. 4 e 5 del Regolamento per la disciplina delle missioni di servizio, emanato con D.R. n. 366 dell'11 ottobre 2012. Per le missioni di durata superiore ai giorni quindici, occorre al provvedimento di incarico di cui all'art. 5 anche il nulla osta del Direttore della struttura a cui il docente/ricercatore afferisce (art. 7, comma 1, dell’anzidetto Regolamento);
    • lo Staff Mobility for teaching mobility agreement firmato, datato e timbrato dalle parti coinvolte;
    • nel caso di partenze da un luogo diverso da quello in cui ha sede l'Unibas, dichiarazione sctitta a firma del partecipante con la specifica della tratta del viaggio e della motivazione.
  • sottoscrivere l'Accordo di mobilità presso l'Ufficio mobilità internazionale. 
  • recarsi presso l'Ufficio mobilità internazionale per acquisire l'Accordo di mobilità sottoscritto da entrambe le parti coinvolte, previo appuntamento.

Nel caso in cui a causa del perdurare della pandemia da COVID -19 non sia possibile raggiungere l’ufficio o sussistano altre limitazioni/restrizioni, i suddetti documenti potranno essere inviati, sia dal partecipante che dall'ufficio, anche per email. L'indirizzo email di riferimento è mobint@unibas.it. 

Durante il periodo all'estero

Al termine del periodo di mobilità: sottoporre alla sede ospitante l'attestato (confirmation of attendance) per la compilazione e sottoscrizione. Il facsimile è disponibile nell'area documenti.

N.B. alcune università potrebbero voler utilizzare il proprio modulo. In tal caso accertarsi che dal documento si evincano chiaramente le seguenti informazioni:

- nome e cognome del partecipante;
- la durata del soggiorno (la data di inizio e di fine attività - primo e ultimo giorni di presenza presso il Partner straniero);
- le ore di lezione;
- gli argomenti dell'attività di docenza.

 

Al rientro in sede

Entro 10 gg. dal termine della mobilità: 

consegnare all'Ufficio Mobilità Internazionale (piano terra del Rettorato, Via Nazario Sauro 85, 85100 Potenza):

  • l'attestato in originale - facsimile scaricabile dall'area di download - su carta intestata dell’Università straniera, attestante l’attività svolta con l’indicazione, oltre che del nominativo del docente, del Programma (ERASMUS + KA1 - Mobilità per lo staff per incarichi di insegnamento tra Programmes Countries) e dell’anno accademico di riferimento, del numero di giorni e del numero di ore di lezioni svolte. La dichiarazione dovrà contenere, infine, la data di inizio e fine dell'attività di docenza - coincidenti con quelle indicate nell’accordo individuale Istituto/Docente - nonché il corso di studio all’interno del quale sono state tenute le lezioni. Dovranno essere altresì specificati i giorni di viaggio;
  • Il rapporto Narrativo (EU SURVEY) da compilare obbligatoriamente on-line tramite il sistema di gestione comunitario Mobility Tool. Per la compilazione il beneficiario sarà invitato per e-mail (generata direttamente dal MTool.) Il termine massimo per la compilazione è di 30 gg. dal termine della mobilità. In caso di inosservanza da parte del beneficiario l'Università si riserva di chiedere il rimborso parziale o totale del contributo assegnato, ovvero in caso di pagamenti al termine della mobilità di non corrispondere totalmente o parzialmente la borsa);
  • fotocopie dei documenti di viaggio, ivi comprese le carte di imbarco (a tal proposito si rimanda a quanto sotto riportato in merito ai "biglietti di viaggio e relative carte di imbarco") e ulteriori giustificativi di spesa inerenti il viaggio (vds. bando) 

Nel caso in cui a causa del perdurare della pandemia da COVID -19 non sia possibile raggiungere l’ufficio o sussistano altre limitazioni/restrizioni, i suddetti documenti potranno essere inviati, sia dal partecipante che dall'ufficio, anche per email. L'indirizzo email di riferimento è mobint@unibas.it. 

Consegnare al Centro di Gestione documentale dell'Università (piano terra del Rettorato, Via Nazario Sauro, 85 – 85100 Potenza) i seguenti documenti:

  • modulo di missione in originale compilato in ogni sua parte e firmato dal beneficiario del flusso (il modulo è disponibile presso l’Ufficio Stipendi - I° piano Rettorato, Via Nazario Sauro, 85 – 85100 Potenza);
  • originali dei documenti di viaggio e relative carte di imbarco, ovvero documentazione equivalente (raccomandabili in entrambi i casi). Nello specifico: 
    • Per i viaggi tra l’organizzazione di invio e l’organizzazione ospitante: prova della effettiva presenza alle attività svolte all'estero che può assumere la forma di una dichiarazione firmata dall'organizzazione di accoglienza, con precisa indicazione del nome del partecipante, lo scopo dell'attività, la data di inizio e fine (confirmation of attendance o documento analogo rilasciato dalla sede ospitante);
    • In caso di viaggi da un luogo diverso da quello in cui l’organizzazione di invio ha sede e/o di viaggi in un luogo diverso da quello in cui ha sede l’organizzazione ospitante, l’itinerario di viaggio effettivo deve essere giustificato dai biglietti di viaggio o fatture, da cui si evinca il luogo di partenza e il luogo di arrivo. La tratta deve essere supportata da dichiarazione  a firma del docente che specifichi la motivazione. 
  • fotocopia dell’autorizzazione alla missione;
  • fotocopia dell’Accordo Istituto/docente, sottoscritto prima della partenza;
  • fotocopia del "certificate of attendance" rilasciato dalla sede di accoglienza al termine dell'attività.

Ai fini dell'ammissibilità dei pagamenti, si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle regole di rendicontazione previste dall'Agenzia Nazionale Erasmus + INDIRE.

Documenti

 

 PORTALE DOCENTI & STAFF
   
 Staff Mobility for teaching mobility agreement
   
 Modulo accettazione/rinuncia 
   
 Attestato docenza/formazione (facsimile)
   
 NEWS: Attestato docenza/formazione (aggiornato con mobilità blended o  virtuale)
   
 Numero ore insegnamento (fonte AN)
   
Decreto Ministero Affari Esteri del 23/03/2011 - Misure e limiti concernenti il rimborso delle spese di vitto e alloggio per il personale inviato in missione all'estero
   
 Consulenza Giuridica Agenzia delle Entrate n. 956-1/2018 sull'erogazione dei fondi
   
 Regolamento per la disciplina delle missioni di servizio
   
 Codice etico e codice di comportamento
   
 Codice di comportamento
   
Rapporto Narrativo (EU Survey) da compilare on-line tassativamente entro il 30esimo gg. dal termine della mobilità. AVVISO: il Rapporto Narrativo dovrà essere presentato dal singolo partecipante al termine della mobilità tramite "EU Survey" attraverso la funzionalità del Mobility Tool+ - che prevede l'invio in automatico di un messaggio email ad ogni partecipante alla mobilità al termine della stessa. La compilazione è obbligatoria